fbpx

I fiori a tavola! – Dott. Raffaele Cicorella

by Dott. Raffaele Cicorella

L’orto, la pioggia e l’arancione…

Questo 2021 verrà ricordato da noi pugliesi, agricoltori e non solo, anche per l’emergenza idrica che arrivati a settembre non sembra ancora dare tregua.

L’estate ci sta asfissiando con il suo continuo caldo e mancando da diversi mesi la pioggia, utile per mantenere l’orto verde e ricco di frutti, non ci permette di avere facilmente una delle più buone e più belle prelibatezze tipiche pugliesi e del Sud Italia.

Mi riferisco ai fiori di zucca e di zucchina che, tra i vari prodotti stagionali, personificano la bontà con il loro profumo e gusto!

Anche solo guardando il loro colore, giallo-arancio brillante e uniforme, mettono allegria e creano l’acquolina in bocca al solo pensiero di poterli preparare ed assaporare.

Se vuoi assicurarti la loro freschezza, avvisa, però, con anticipo il tuo ortolano di fiducia perché dovrà organizzarsi con la raccolta che dovrà essere fatta in momenti specifici della giornata – mattino presto o sera – quando i fiori sono ben aperti e non chiusi e appassiti dal caldo torrido tipico di una giornata estiva.

Inoltre, è bene saper distinguere tra fiori e fiori, poiché solo i fiori maschili dovranno essere raccolti, mentre quelli femminili no.

Come si distinguono? Semplice: i maschietti hanno lo stelo più o meno sottile e contengono i pistilli con il polline, mentre i fiori femminili, che vanno fecondati dai precedenti grazie all’azione degli impollinatori, si trovano sulla base del frutto che piano piano si ingrosserà dando origine alla zucca o alla zucchina.

Proprietà nutrizionali

I fiori di zucca e di zucchina sono anche ottimi alleati per la tua salute, lo sapevi??

La loro composizione, infatti, prevalentemente fatta di acqua (95%), assicura un basso numero di calorie ed un utile apporto di sali minerali (ferro, potassio, calcio, fosforo), carotenoidi, fibre e vitamine (A, gruppo B e C).

Certo, tutto questo potrebbe essere vanificato dalla frittura fatta solitamente con oli di semi economici ma raffinati, pro-infiammatori e potenzialmente produttori di sostanze tossiche per l’organismo.

Inoltre, la tipica pastella a base di farina di grano può creare non pochi problemi a chi è sensibile al glutine – ma non sa di esserlo – e che manifesta sintomi come dolore addominale, gonfiore, stanchezza, mal di testa, depressione, anemia e tanti altri. (*)

Quindi? Preferisci l’olio di oliva o l’olio di cocco per friggere perché più stabili alle alte temperature e all’ossidazione e non perdono la loro ottima qualità.

Ricetta

Tralasciando, per un momento, la frittura e i fiori fritti, che ne dici di riempirli con della carne macinata??

Per questo, ti propongo una super ricetta!
Ti basta utilizzare una teglia da forno in cui sistemare, su un filo di olio evo, i fiori di zucca o di zucchina tagliati da una parte in modo da poterli riempire con un composto fatto di carne macinata precedentemente soffritta, uova intere, parmigiano o grana con stagionatura maggiore di 36 mesi, sale e pepe.
A questo punto, sui fiori ben sistemati uno accanto all’altro, puoi aggiungere anche del pangrattato di riso ed un filo di acqua all’interno della teglia.
Metti tutto in forno a 200°C per circa 30-40 minuti e … vedi che ti mangi!!
Dunque, se ti ho fatto venire voglia di preparare i fiori di zucca o di zucchina non ti resta che chiamare il tuo ortolano per farteli mettere da parte ma, fallo subito prima che qualcuno lo faccia al posto tuo!
Buoni “fior d’ la ch’cozz” e “ch’ch’zzedd” a tutti!!

(*) Per ulteriori informazioni in merito ti rimando ad una consulenza completamente gratuita! Inquadra il QR-CODE, qui a lato, e scopri il regalo a te riservato!

POTREBBE PIACERTI ANCHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi