fbpx

Reddito di Emergenza. Domanda entro il 31 maggio

by Foglie TV

Il Reddito di emergenza in scadenza a maggio sarà prorogato per altri due mesi. Il sussidio a sostegno dei cittadini finiti in grave difficoltà economica a causa degli effetti della pandemia potrà essere richiesta all’Inps fino a luglio. Lo ha rivelato il viceministro allo Sviluppo Economico, Gilberto Pichetto Fratin parlando delle misure contenute nel Decreto Sostegni Bis.

Reddito di emergenza Inps, nuova proroga: fino a quando si potrà chiedere

Altri due mesi di contributi fondamentali per le famiglie, in questo anno e più di Covid-19, che avevano già ottenuto il rinvio dei termini dal 30 aprile al 31 maggio.

Nell’ultima comunicazione dell’Inps era stato infatti chiarito che ” il Decreto sostegni ha previsto il riconoscimento di tre quote di Reddito di emergenza (Rem) per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021. Il beneficio sarà riconosciuto – a domanda – ai nuclei familiari in condizioni di difficoltà, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, e in possesso cumulativamente dei requisiti di residenza ed economici, patrimoniali e reddituali, previsti dalla normativa vigente”.

Reddito di emergenza Inps, nuova proroga: requisiti

Con l’ultima proroga inserita nel Decreto Sostegni Bis, atteso per l’approvazione in Cdm all’inizio della prossima settimana, le famiglie che vorranno chiedere Rem avranno quindi ancora tempo fino a luglio, ma dovranno soddisfare i seguenti requisiti:

  • residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio;
  • un valore del reddito familiare, nel mese di febbraio 2021 inferiore a una soglia pari all’ammontare del beneficio;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare (con riferimento all’anno 2020) inferiore a 10 mila euro (la soglia è accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo – fino a un massimo di 20.000 euro – e in presenza di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza);
  • un valore ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore a 15.000 euro.

L’importo erogato può variare da un minimo di 1.200 euro a un massimo di 2.400 euro, tenendo conto della situazione patrimoniale e del numero dei componenti della famiglia, per un contributo economico che può variare da 400 euro a 840 euro ogni trenta giorni.

Oltre ai nuclei familiari che possono dimostrare di essere in difficoltà economiche, possono chiedere il Rem anche i soggetti che tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 non hanno più percepito l’assegno di disoccupazione NASpI e la DIS-COLL, e possono presentare un ISEE inferiore a 30.000 euro.

Il Reddito di emergenza spetta ai lavoratori precari che rientrano in una serie di categorie, dagli autonomi ai stagionali, ma non possono accedere al sussidio coloro che:

  • ricevono già altre indennità COVID-19 con le prestazioni pensionistiche, dirette o indirette, a eccezione dell’assegno ordinario di invalidità e dei trattamenti di invalidità civile;
  • in caso di redditi da lavoro dipendente, la cui retribuzione lorda complessiva sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo;
  • con il Reddito e la Pensione di cittadinanza percepito al momento della domanda.

POTREBBE PIACERTI ANCHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi