Oggi nasce il polo antixylella per ricostruire la più grande fabbrica green sud Italia

Nasce il polo antixylella per la ricostruzione della più grande fabbrica green del Sud Italia che accompagnerà le aziende olivicole nella realizzazione dei nuovi impianti con le varietà resistenti dalla Lecciana al Leccio del Corno, dal Leccino fino alla FS17 e a tutte le ulteriori varietà che saranno autorizzate, con una gestione olivicola al passo con i tempi, con mezzi e conoscenze tali da agire tempestivamente e efficacemente sul territorio.

L’appuntamento è per oggi venerdì 17 maggio 2024, a partire dalle ore 10,30, a Squinzano in Via Cellino 13 presso l’azienda olivicola Taurino, dove assieme a presidente e direttore di Coldiretti Puglia, Alfonso Cavallo e Pietro Piccioni, a presidente e direttore di UNAPROL Consorzio Olivicolo Italiano, David Granieri e Nicola Di Noia, e all’amministratore delegato di CAI Consorzi Agrari d’Italia, Gianluca Lelli, sarà presentato il progetto di investimento e assistenza agli olivicoltori dopo la strage di ulivi causata dalla Xylella in Puglia.

Una occasione per fare il punto sull’impatto dell’epidemia causata dalla Xylella sul patrimonio storico, ambientale e produttivo della Puglia, la regione più olivicola d’Italia, e sullo stato dell’arte della ‘ricostruzione’.

Potrebbe interessarti anche...