fbpx

Nella Normativa sugli Aiuti di Stato si dà valore all’E-commerce

“Un sostegno per il made in Italy legato alle imprese agricole e agroalimentari”

by Foglie TV

Il commercio elettronico delle imprese agricole potrà essere potenziato grazie al credito di imposta del 40% già previsto per il sostegno del made in Italy.

Il 20 maggio del 2022 sul sito delle Agenzie delle Entrate è stato pubblicato il provvedimento n.174713/2022 che definisce i criteri e le modalità di applicazione e di utilizzo del bonus per gli anni dal 2021 al 2023 e approva il modello di “Comunicazione delle spese per la realizzazione o l’ampliamento delle infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico”

La legge di bilancio 2021 (n.178/2020 art.1, comma 131) ha previsto che le aziende agricole e agroalimentari (anche costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi) e le aziende aderenti al disciplinare delle strade del vino potranno usufruire del 40% del credito di imposta per gli investimenti sostenuti nei periodi dal 2021 al 2023 fino ad un tetto massimo di 50 mila euro per ciascun periodo.

Gli interventi devono essere rivolti:

  • Al miglioramento delle potenzialità di vendita a distanza a clienti residenti fuori del territorio nazionale
  • Alla creazione, se dovesse servire, di depositi fiscali virtuali nei Paesi esteri
  • A favorire la stipula di accordi con gli spedizionieri doganali al fine di assolvere agli oneri fiscali
  • Per incrementare le attività e i progetti legati alle esportazioni

L’invio della Comunicazione dovrà essere inviata all’Agenzia delle Entrate dal 15 febbraio al 15 marzo dell’anno successivo a quello di realizzazione degli investimenti, ma per le spese effettuate nel 2021, invece, la Comunicazione dovrà essere inviata dal 20 settembre 2022 al 20 ottobre 2022.

POTREBBE PIACERTI ANCHE