fbpx

Mutuo agrario. Importante strumento di credito

by Avv. Gabriele Romagnuolo

Nella rivista del 15 settembre abbiamo affrontate il tema: “Chi dice che scegliere un terreno ed acquistarlo sia semplice?

A tal proposito l’avvocato Gabriele Romagnuolo spiegherà in questo articolo come poter accedere ad un mutuo agrario e cosa è importante sapere.

Nel mondo agricolo l’accesso al capitale teso all’acquisto di nuovi terreni o alla modernizzazione, ampliamento o valorizzazione degli accessori finalizzati alle attività svolte può essere richiesto attraverso bandi pubblici e/o istituti di credito privati.

Il mutuo agrario erogato dai maggiori istituti di credito privati è rivolto agli operatori agricoli qualificabili in imprenditori agricoli, imprenditori agricoli a titolo professionale, coltivatori diretti, società semplici, società di persone, società di capitale, cooperative e consorzi esercenti attività agricola.

Esistono due tipologie di linee di finanziamento richiedibili in queste condizioni che variano a seconda della durata e della garanzia richiesta: mutuo ipotecario e mutuo non ipotecario.

Nel caso del mutuo ipotecario, erogabile per importi superiori ai 30 mila euro, il terreno andrà a garanzia di insolvenza mentre, per i mutui non ipotecari, avremo una rateizzazione in un periodo non superiore ai 5 anni in relazione ad importi che non possono superare i 30 mila euro.

I produttori dovranno all’atto della richiesta di mutuo presentare come documentazione l’atto di provenienza del terreno agricolo e la sua attestazione di destinazione d’uso come agricolo, il contratto di lavoro e la certificazione della propria condizione reddituale

Il finanziamento agrario è destinato a finanziare le attività agricole e zootecniche nonché quelle a esse connesse o collaterali. (Sono attività connesse o collaterali: l’agriturismo, la manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti).

Il tasso sugli interessi passivi è decisamente inferiore rispetto al mutuo ordinario. Dal punto di vista fiscale gli interessi passivi e gli oneri accessori sono detraibili, in fase di dichiarazione dei redditi.

Nel mondo agricolo, in particolar modo il mutuo non ipotecario, è un formidabile strumento di credito che consente ai produttori di lavorare con agilità e senza le lungaggini burocratiche sottese alla stipula di un classico mutuo.

Nella prossima rivista affronteremo le altre formule alternative all’acquisto, sempre con l’aiuto dell’avvocato Romagnuolo.

POTREBBE PIACERTI ANCHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi