fbpx

L’INTERVISTA | Amì un progetto sostenibile nella mandorlicoltura

Giornata tecnico-dimostrativa in campo tra aziende produttrice e il mondo scientifico

by Foglie TV

Nella giornata dell’8 giugno ’22 presso le Tenute Guidotti si è tenuta la seconda giornata tecnico dimostrativa in un mandorleto. Un appuntamento con il Progetto Amì per promuovere la mandorlicoltura pugliese e renderla più sostenibile, efficiente e redditizia.

A sostenere il progetto le Tenute Guidotti insieme alla Cia come capofila del progetto, l’Università degli Studi di Bari, il Crea, La Cooperativa “il Contado” e la Cooperativa Sociale Equal Time Onlus.

Con un buon 80% della produzione nazionale, la mandorla pugliese di qualità torna ad essere sempre più richiesta sul mercato. Ma come valorizzarla sul mercato? Sicuramente bisogna iniziare un processo di valorizzazione ed innovazione del prodotto.

Il progetto AMì è finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014/2020 Puglia – nella misura 16 e 16.2 che prevede cooperazione e sostegno a progetti pilota e allo sviluppo nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie.

Infatti il progetto ha come obbiettivo quello di migliorare la sostenibilità economica ed ecologica del comparto attraverso il monitoraggio dello stato idrico dei mandorleti in campi piloti, la gestione del suolo, la gestione delle patologie attraverso un approccio a residuo 0 ed infine anche la gestione del post raccolta del mandorlo.

Per quanto riguarda il discorso acqua ce ne parla meglio il prof. Pasquale Losciale del Dì.S.S.P.A dell’Università degli Studi di Bari – “Si cerca di monitorare la pianta monitorando tutto il sistema al fine di poter garantire alla pianta acqua quando ne ha effettivamente bisogno, questo ci permette quindi di ridurre i consumi idrici riducendo i consumi di lusso senza inficiare o modificare la produzione che resterà sempre di qualità”.

Giornate di questo tipo, “a cielo aperto in campo”, permettono al mondo scientifico di entrare in coesione con gli operatori del settori riuscendo a fornire loro le ultime conoscenze nel mondo scientifico e nella ultima ricerca applicata.

POTREBBE PIACERTI ANCHE