fbpx

La ciliegia sempre più global, prodotto simbolo di Macfrut 2022

by Foglie TV

Cesena (23 dicembre 2021) – Se c’è un frutto che sta diventando sempre più global è la ciliegia. Prodotto simbolo di Macfrut 2022, proprio il Rimini Expo Center ospiterà l’International Cherry Symposium (4-6 maggio) insieme ai massimi esperti mondiali sulle principali innovazioni di prodotto e di processo, importanti manager di aziende internazionali top player del mercato e, “ciliegina” sulla torta, due tour in campo per toccare con mano le principali innovazioni nelle tecniche di produzione e nei processi di selezione e lavorazione delle ciliegie.

Il tutto organizzato da Macfrut insieme alle Università di Bologna, Modena e Reggio, e delle Marche.

Ciliegia, avanzano nuovi Paesi

Ci sono varie chiavi di lettura per spiegare il boom che sta riscontrando la coltivazione del ciliegio a livello mondiale. Un primo aspetto si può dedurre guardando la mutata geografia della cerasicoltura a livello mondiale (vedi tabella su evoluzione superfici, produzioni rese per ettaro nell’ultimo quinquennio: fonte Faostat 2021). Nuovi paesi come Turchia, Cile e Uzbekistan negli ultimi due decenni hanno puntato forte sul ciliegio e stanno raccogliendo i frutti dei loro investimenti, scelte mirate sulle moderne tecnologie di impianto e nel post raccolta e sulle innovazioni varietali. Da paesi emergenti sono divenuti in pochi anni leader nella produzione e commercio delle ciliegie a livello mondiale. E non si parla solo di superfici investite ma di produzioni e rese degli impianti, che crescono costantemente negli anni.

Però una domanda sorge spontanea, la regione Puglia in tutto questo dove si trova? I produttori pugliesi cosa dicono?

La Puglia è la maggior produttrice di ciliegie in Italia, detiene con le sue quasi 32.000 tonnellate il 35% delle produzioni italiane e il 62% delle superfici investite pari a circa 19.000 ettari di terreno ed un fatturato di circa 21 milioni di euro.

Purtroppo ancora una volta si sono messe in evidenza alcune delle criticità più importanti della cerasicoltura pugliese, ovvero la mancanza di una filiera e di conseguenza la mancanza della valorizzazione del prodotto che con una IGP potrebbe identificarsi.

La produzione cerisicola pugliese ha grandi capacità di ottenere il tutto, deve comunicare la qualità e l’eccellenza del prodotto, il fatturato prodotto che la porta al primo posto in Italia, tutta la tradizione e la storicità che c’è dietro la lavorazione, rendendola uno dei prodotti principi della Puglia ma anche di tutto il sud Italia. Per fare il tutto, però bisognerebbe pensare a fare rete e sistema e a dialogare fra gli anelli della filiera, per dare più valore al lavoro dei tanti operatori e al prodotto stesso.

La qualità paga: l’esempio di Vignola

C’è poi un altro aspetto. Riguarda quei territori che tradizionalmente detenevano la leadership del mercato internazionale delle ciliegie e che ancora riescono ad essere competitivi perché hanno investito su politiche di marchio e sull’alta qualità delle ciliegie. Il riferimento è a Spagna e Italia. Nel nostro Paese il case history più emblematico è quello di Vignola, testimonianza di come qualità e innovazione varietale pagano in termini di prezzo (+0,90 euro/kg per le varietà tradizionali, +0,43 euro/kg per la nuove varietà).

Il grafico allegato si riferisce a prezzi prevalenti sul Mercato di Vignola su cinque varietà di ciliegio tradizionali e cinque nuove varietà a marchio IGP e non IGP (Fonte: Mercato di Vignola – NCX Drahorad, 2021).

Varietà tradizionali: BRL = Burlat; SMB = Samba; GRS = Grace Star; FRR = Ferrovia; LPN = Lapins; x = media delle cinque varietà.

Nuove varietà: SA = Sweet Aryana; SL = Sweet Lorenz; SG = Sweet Gabriel; SV = Sweet Valina; SS = Sweet Saretta; x = media delle cinque varietà.

 International Cherry Symposium

Di questo e tanto altro si parlerà all’International Cherry Symposium evento internazionale che si compone di tanti appuntamenti: una due giorni di alta formazione a Bertinoro (2 e 3 maggio), il Simposio mondiale sui temi chiave del ciliegio a Macfrut (4 maggio), un evento con i top player del settore sui trend di mercato e visite guidate nelle principali aziende del settore presenti a Macfrut (5 maggio), e un tour tra i principali produttori di ciliegio per toccare con mano le innovazioni di prodotto (6 maggio).

SCARICA il PDFSuperfici produzioni rese ettaro

POTREBBE PIACERTI ANCHE