fbpx

Il punteruolo nero minaccia il fico in Italia

by Foglie TV
Il Comitato Fitosanitario Nazionale ha affrontato la tematica del punteruolo nero del fico

Il Comitato Fitosanitario Nazionale ha affrontato la tematica del punteruolo nero del fico (Aclees taiwanensis), organismo alieno che si sta rapidamente diffondendo sul territorio nazionale e che rappresenta una minaccia per la coltivazione del fico (Ficus carica) che in Italia interessa 2.056 ettari, per una produzione di circa 12.000 tonnellate, principalmente in Puglia, Campania e Calabria.

Il Servizio Fitosanitario Nazionale ha redatto una apposita scheda informativa (clicca per leggere) riguardo tale organismo che danneggia le piante allo stadio larvale, scavando tronchi e radici superficiali, causando il deperimento e la morte delle piante.

Il punteruolo del fico, è una specie originaria di Taiwan, accidentalmente introdotta in Europa. Il primo ritrovamento in Italia risale al 2005 in Toscana, in un vivaio di Pistoia. La specie è oligofaga su piante del genere Ficus, risultando come una minaccia per il fico comune, Ficus carica. Gli adulti si nutrono di foglie e infruttescenze in maturazione, rendendole incommerciabili. Ma il danno maggiore è causato dalle larve xilofaghe che, scavando gallerie di alimentazione all’interno del tronco e delle radici superficiali, compromettono il flusso linfatico dell’albero.

POTREBBE PIACERTI ANCHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi