Frutti di Bosco, un mercato in continua crescita


Il settore internazionale dei frutti di bosco si è recentemente riunito al Global Berry Congress. Per la prima volta da quando è stato organizzato l’evento, il sentimento dei partecipanti è stato contrastante e non solo molto ottimista

Le pressioni inflazionistiche per i coltivatori e i distributori non dovrebbero cessare a breve. Inoltre, è probabile che la domanda dei consumatori risenta dell’inflazione. Queste sfide spingono l’industria dei frutti di bosco ad apportare i cambiamenti necessari per rendere il settore a prova di futuro, concentrandosi sulla qualità piuttosto che sulla quantità.

UN MERCATO, QUELLO DEI FRUTTI DI BOSCO, IN CONTINUA CRESCITA

Durante le precedenti edizioni del Global Berry Congress, le discussioni si sono concentrate principalmente sull’esplosione del mercato delle bacche. Ma se negli ultimi dieci anni la questione era come l’offerta potesse tenere il passo con la domanda, ora la questione è come far sì che la domanda tenga il passo con l’offerta. L’offerta di frutti di bosco freschi sul mercato globale è cresciuta ancora nel 2022.

Le esportazioni di mirtilli, in particolare, mostrano un aumento costante che continuerà nei prossimi anni, grazie all’espansione della produzione in Paesi come Perù, Messico e Marocco. La produzione e le esportazioni globali di lamponi e more sono meno costanti, ma non mostrano ancora segni di stabilizzazione. Il mercato delle fragole, leggermente più maturo, è stato più stabile e si prevede che lo rimarrà anche nei prossimi anni.

ALCUNE PREOCCUPAZIONI SULLA DOMANDA

La preoccupazione generale che abbiamo percepito tra i partecipanti al congresso è stata la diminuzione della domanda di frutti di bosco freschi nel prossimo anno. I consumatori di tutto il mondo hanno iniziato a stringere i cordoni della borsa perché il reddito disponibile è fortemente influenzato dal contesto inflazionistico, in particolare in Europa. Sulla base dell’esperienza storica e delle recenti indagini sui consumatori, ci aspettiamo che questi ultimi inizino a ridurre i prezzi. I primi segnali della ricerca di valore da parte dei consumatori sono già visibili. I discount stanno guadagnando quote di mercato in vari Paesi e gli acquisti complessivi di alimenti freschi, compresa la frutta fresca, sono diminuiti nel 2022.

Ma è ancora difficile stimare quale sarà l’impatto sui frutti di bosco nel prossimo anno. Durante la crisi finanziaria ed economica globale del 2008-2009, i frutti di bosco erano ancora una categoria di nicchia e la loro rapida crescita è iniziata solo qualche anno dopo. Quello che sappiamo è che il reddito influenza chiaramente gli acquisti di frutti di bosco freschi. Pertanto, gran parte degli acquisti di frutti di bosco non subirà un forte impatto perché il reddito disponibile dei consumatori più abbienti che tendono ad acquistare frutti di bosco è relativamente meno influenzato.

Sappiamo anche che gli acquisti di frutti di bosco sono abbastanza reattivi alle variazioni di prezzo. Di conseguenza, altri tipi di frutta più anelastici potrebbero essere più avvantaggiati. Nella prima metà del 2022, le fragole sono state tra le categorie di frutta fresca più performanti in termini di volume di vendite sia nei Paesi Bassi che in Germania. Ciò è dovuto principalmente ai livelli di prezzo relativamente bassi nel 2022.

Allo stesso tempo, le vendite al dettaglio di mele sono diminuite nonostante i livelli di prezzo più bassi rispetto all’anno precedente. Ciò potrebbe indicare che il prezzo non è l’unico fattore decisivo per gli acquirenti, ma che anche altri fattori come la convenienza, i benefici percepiti per la salute e il sapore sono importanti. Prevediamo che questi fattori continueranno a guidare il mercato dei frutti di bosco nel lungo periodo, anche al di là dell’attuale crisi del costo della vita.

I CAMBIAMENTI PREVISTI PER IL 2023

La situazione attuale, per quanto impegnativa, può anche essere considerata un tempestivo campanello d’allarme per il settore dei frutti di bosco. L’indebolimento del mercato indurrà il settore dei frutti di bosco a passare da un “focus su più” a un “focus su più con meno” e infine a un “focus su produrre meglio con meno”. Ciò significa che si passerà da una produzione di volumi più elevati, con un corrispondente maggiore impiego di fattori produttivi, a una produzione di migliore qualità con meno risorse e un minore impatto ambientale.

Al Global Berry Congress, diversi partecipanti hanno mostrato esempi di come stanno già cambiando in meglio la loro attività. I coltivatori di tutto il mondo ci pensano due volte prima di espandere le loro superfici e spesso preferiscono sostituire le vecchie varietà con nuove varietà di qualità superiore. Queste nuove varietà possono migliorare la produttività del lavoro o l’esperienza del consumatore, ad esempio.

Inoltre, diversi produttori di bacche sudamericani hanno avviato la produzione in Europa, più vicino ai consumatori, spesso migliorando la freschezza e riducendo i costi di trasporto e l’impatto sul clima. I supermercati in Europa e negli Stati Uniti stanno introducendo linee di frutti di bosco di alto livello con un’esperienza di gusto premium (costante). Vengono introdotte confezioni più grandi per ridurre l’uso della plastica. Si registrano progressi anche nello sviluppo di soluzioni di automazione del raccolto. E sempre più spesso le aziende scelgono di utilizzare catene dettagliate farm-to-fork per ridurre gli sprechi alimentari, escludere i fornitori di scarsa qualità e far incontrare meglio domanda e offerta.

Fonte: Rabobank

  • I miei ultimi post

Il direttore responsabile di Italian Berry è Thomas Drahorad, presidente di NCX Drahorad, che opera dal 1990 nel commercio internazionale di ortofrutta ed è attivo da 15 anni nel settore del commercio dei piccoli frutti, principalmente per export e import.

homas Drahorad è ideatore e organizzatore del Mirtillo Business Day, il primo evento italiano con focus sui mirtilli e di Italian Berry Day, il primo evento italiano di filiera sui piccoli frutti.

Ha pubblicato Piccoli Frutti 2018“, un report sul settore mondiale dei piccoli frutti (con particolare riferimento a produzione, consumo, varietà e innovazione).

E’ stato speaker al Global Berry Congress 2019 di Amsterdam con una relazione sul settore italiano dei mirtilli e all’incontro di ALS 2020 ha presentato un rapporto su produzione e commercializzazione globale dei mirtilli.

image_pdfScarica l'articolo in PDFimage_printStampa l'articolo
Potrebbe interessarti anche...