Due nuove partite di peperoni provenienti dalla Turchia sono state distrutte perché contenevano un alto livello di residui di pesticidi

I due casi sono stati notificati dal RASFF lunedì 11 settembre. In un lotto i peperoni contenevano residui dell’insetticida Chlorpyrifos e nell’altro dell’insetticida acaricida Formethanate.

Lunedì, 11 settembre, è stata segnalata la distruzione di due nuove partite di peperone dalla Turchia ai mercati dell’Unione Europea (UE) perché contenevano un livello elevato di residui di pesticidi, secondo la consultazione effettuata da Hortoinfo sui dati del Rapid Alert System per gli alimenti e i mangimi (RASFF).

Entrambi i casi sono stati segnalati al RASFF dalle autorità della Bulgaria, il cui confine con la Turchia funge da porta d’ingresso per la frutta e la verdura turca, in cui è raro che non vengano rilevati prodotti ortofrutticoli con un eccesso di pesticidi.

Il file RASFF 2023-6164 del RASFF indica che una spedizione di peperoni è stata distrutta, quando è stato rilevato un contenuto di acaricida e insetticida formetanato di 0,283+/-0,142 mg/kg – ppm, quando il suo limite massimo di residui (MRL) è fissato a 0,01 mg/kg – ppm, il minimo rilevabile in laboratorio, durante un controllo di frontiera il 5 settembre. Questi peperoni erano destinati a un operatore nei Paesi Bassi (Olanda), ma la loro importazione è stata interrotta e sono stati distrutti.

L’altra spedizione di peperoni turchi è stata bloccata e distrutta secondo il fascicolo RASFF numero 2023-6165, poiché nei peperoni sono state trovate tracce del pesticida Chlorpyrifos in una proporzione di 0,027+/-0,014 mg/kg – ppm, che era anche il suo LMR di 0,01 mg/kg – ppm, in un’analisi effettuata giovedì scorso, 7 settembre.

In questo caso i peperoni erano destinati al mercato tedesco, la cui distribuzione è stata impedita a causa della loro distruzione da parte delle autorità di frontiera bulgare.

Entrambi i casi sono stati classificati come gravi dal RASFF.

Clorpirifos

È un insetticida organofosforico, ad ampio grado di controllo ed elevato potere di penetrazione, che agisce sugli insetti per contatto, ingestione e inalazione. Controlla un ampio spettro di insetti succhiatori e masticatori.

Va ricordato, come pubblicò a suo tempo Hortoinfo, che il 6 dicembre 2019 la Commissione Europea ha vietato completamente l’uso del Clorpirifos a causa della sua pericolosità.

Un gruppo di ricercatori delle facoltà di Farmacia e Biochimica e Medicina dell’Università di Buenos Aires (UBA), insieme a scienziati dell’Università Nazionale di Comahue (Argentina), hanno verificato che l’esposizione a basse dosi di clorpirifos (CPF) provoca problemi al seno cancro.

Dopo la riduzione degli LMR per questa sostanza da parte della Commissione Europea, il Ministero spagnolo dell’Agricoltura, dell’Alimentazione e dell’Ambiente ha approvato il ritiro dei formulati a base di Clorpirifos (etile), da utilizzare nelle colture di pomodoro e peperone, melone, anguria, patata, cavolo cappuccio, carciofo, mela, pera, pesca, uva da tavola, lampone e mirtillo.

Formetanato

Il formetanato è un acaricida e insetticida, del gruppo dei carbammati, che agisce per contatto e ingestione contro larve e adulti di specie sensibili, alterando le funzioni del sistema nervoso centrale.

I sintomi iniziali di grave tossicità da insetticidi del gruppo dei carbammati sono coma, convulsioni, ipertensione e depressione cardiorespiratoria.

Può anche causare dispnea, broncospasmo e broncorrea con eventuale edema polmonare.

I bambini hanno maggiori probabilità rispetto agli adulti di presentare i sintomi del sistema nervoso centrale sopra menzionati.

Malessere, debolezza muscolare, vertigini e sudorazione sono i sintomi iniziali dell’avvelenamento da carbammati, che spesso si manifestano come mal di testa, salivazione, nausea, vomito, dolore addominale, diarrea, miosi con visione offuscata, incoordinazione, spasmi muscolari e linguaggio lento.

Potrebbe interessarti anche...