Come l’Egitto sta entrando nell’UE con le esportazioni di mango e guava. Le spedizioni sono triplicate negli ultimi 5 anni

Secondo EastFruit , quest’anno gli esportatori egiziani di mango e guava dovrebbero aumentare la loro presenza sul mercato europeo . I dati per i primi nove mesi del 2023 mostrano che l’UE ha importato più mango e guava egiziani che nell’intero 2022, e il volume delle spedizioni dall’Egitto in questa direzione sarà almeno triplicato rispetto al 2018.

Da gennaio a settembre 2023, quasi 1.500 tonnellate di mango e guava sono state importate dall’Egitto nell’UE. Si tratta già di una quantità da record, dato che nel 2022 la cifra ammontava a poco più di 1.300 tonnellate. Considerando che il picco della stagione delle esportazioni di questo prodotto dura fino alla fine di novembre, il risultato finale di quest’anno sarà ancora più impressionante.

È interessante notare che la Spagna è ancora il leader nell’importazione di mango e guava egiziani nel 2023, anche se prima non importava quasi nulla di questo prodotto. Quest’anno il volume delle forniture dall’Egitto al mercato spagnolo ha già raggiunto circa 300 ton. Altri importanti importatori dell’UE includono Italia, Germania, Francia, Paesi Bassi e Grecia, che insieme alla Spagna rappresentano circa il 94% delle importazioni dell’UE di mango e guava dall’Egitto nel periodo gennaio-settembre 2023.

“La maggior parte delle esportazioni di questa categoria dall’Egitto è costituita da mango fresco, la cui stagione inizia in estate e termina nel tardo autunno o all’inizio dell’inverno. La guava fresca viene esportata in quantità molto minori, generando annualmente per l’Egitto entrate 5-7 volte inferiori rispetto alle esportazioni di mango. Tuttavia, la stagione di esportazione della guava egiziana è più lunga: inizia alla fine dell’estate e dura tutto l’autunno e l’inverno, terminando nella primavera dell’anno successivo. Il Paese esporta anche mango essiccato e guava, ma le esportazioni annuali di queste sottocategorie verso tutti i mercati non superano 1 milione di dollari”, commenta Yevhen Kuzin, analista del mercato ortofrutticolo.

I paesi dell’UE rappresentano uno dei mercati più grandi al mondo per mango e guava. Nel 2021 hanno importato 409mila tonnellate di questi prodotti da paesi extra-Ue, ma poi la cifra è scesa leggermente a 390mila tonnellate a causa dell’inflazione alimentare e dell’aumento dei costi logistici. Quest’anno le importazioni hanno ripreso a crescere e il volume di gennaio-settembre (308mila ton) ha già superato il risultato dell’anno precedente per lo stesso periodo.

 I mercati più attraenti per mango e guava nell’UE sono Paesi Bassi, Spagna, Belgio, Francia, Portogallo e Germania. Vale la pena notare che i Paesi Bassi riesportano principalmente mango e guaiava verso altri Paesi dell’UE: nel 2022, con un import di 280mila ton, le loro esportazioni ammontavano a 220mila ton. Anche altri rappresentanti dell’UE hanno una quota abbastanza elevata di riesportazioni, ma ogni mercato ha le sue specificità.

Ad esempio, la Spagna è un grande produttore di mango in Europa e li importa sia per espandere le proprie esportazioni che per il consumo interno. Il Belgio, come i Paesi Bassi, è principalmente un riesportatore, la Francia importa mango e guaiave principalmente dai Paesi Bassi e dalla Spagna, mentre il Portogallo si concentra sulle consegne da Spagna, Brasile e Paesi Bassi. Il Portogallo ha anche uno dei tassi di consumo pro capite più alti di mango: è due volte e mezzo superiore a quello, ad esempio, della Germania. La Germania, tra l’altro, preferisce importare mango e guaiave indirettamente, attraverso i Paesi Bassi o la Spagna.

Brasile e Perù sono i principali fornitori di mango e guava per il mercato dell’UE, rappresentando fino al 75% del totale delle importazioni ogni anno. Altri importanti esportatori si trovano nell’Africa sub-sahariana (Costa d’Avorio, Senegal, Burkina Faso, Mali, ecc.), nel Nord America e nei Caraibi (Repubblica Dominicana, USA, Messico, ecc.), nonché in varie regioni del Asia (Israele, Pakistan, India, ecc.). L’Egitto non è ancora diventato un attore importante nel mercato dell’UE, ma nel 2022 ha esportato più mango e guava di, ad esempio, India, Kenya o Bangladesh.

“L’Egitto ha una bassa presenza nel mercato europeo del mango, poiché gli esportatori locali preferiscono ancora lavorare con acquirenti provenienti dalla Russia e dal Medio Oriente. Tuttavia, le loro spedizioni verso l’UE sono in aumento e nel 2023 hanno raggiunto un traguardo significativo con un volume record di esportazioni. Un’opportunità promettente per i fornitori egiziani, che puntano ai mercati sviluppati, potrebbero essere le varietà locali di mango, che difficilmente vengono esportate dall’Egitto e sono sconosciute al di fuori dei suoi confini. Hanno un gusto e un aroma dolci e caratteristici, che potrebbero rappresentare una novità per i consumatori dell’UE. Tuttavia, queste varietà di mango non sono adatte allo stoccaggio e al trasporto a lungo termine, quindi un’altra grande sfida per l’Egitto sarà organizzare la logistica del trasporto aereo di questi mango”, riassume Yevhen Kuzin.

Potrebbe interessarti anche...