A Masseria Fruttirossi il workshop “La filiera del melograno in Puglia”

Un importante momento di confronto tra mondo accademico e operatori del settore

 L’innovativo progetto europeo StopMedWaste per la riduzione degli scarti alimentari, la diminuzione degli scarti ortofrutticoli e la riduzione dell’impiego postraccolta di agrofarmaci

 Masseria Fruttirossi – Lome Super Fruit, azienda leader a livello nazionale nella coltivazione del melograno, ospita per la prima volta un importante workshop di elevato livello scientifico sulla coltivazione e su alcuni aspetti fitosanitari della melagrana.

“La filiera del melograno in Puglia”: questo il titolo del workshop organizzato, nell’ambito del progetto europeo “StopMedWaste”, dal Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro (DiSSPA-UNIBA).

L’evento si terrà, alle ore 15.00 di venerdì 28 aprile, presso lo stabilimento Masseria Fruttirossi, in Contrada Terzo Dieci a Castellaneta Marina.

Nel workshop esperti del mondo accademico e operatori del settore tratteranno e si confronteranno su aspetti della coltivazione e del controllo delle malattie del postraccolta del melograno.

Con 350 ettari di proprietà in agro di Castellaneta Marina coltivati a melograno, Masseria Futtirossi è il principale produttore italiano di melagrana; tra i campi è ubicato il moderno stabilimento di confezionamento e trasformazione dei frutti in succhi – 100% pura spremuta senza zuccheri o conservanti aggiunti – commercializzati con il brand “Lome Super Fruit”; recentemente l’azienda ha introdotto su 40 ettari la coltivazione dell’avocado.

StopMedWaste è un progetto europeo triennale mirato al miglioramento della conservazione di ortofrutticoli freschi e di piante aromatiche mediante l’impiego di strategie innovative in grado di garantire la sicurezza del consumatore, la riduzione degli sprechi ed un minore impiego di agrofarmaci di sintesi.

Il progetto prevede lo sviluppo in laboratorio delle strategie più efficaci per il prolungamento della vita postraccolta dei prodotti freschi, che successivamente saranno saggiate in condizioni semicommerciali o commerciali.

StopMedWaste punta alla riduzione degli scarti alimentari passando dal 30 al 15% (in accordo con le Priorità delle Nazioni Unite – ZeroHunger Challenge), alla diminuzione del 20% degli scarti ortofrutticoli, nonché a ridurre del 20% l’impiego postraccolta di agrofarmaci.

Il workshop inizierà con i saluti istituzionali portati da: Dott. Luigi Trotta, Dirigente Sezione Competitività delle Filiere Agroalimentari della Regione Puglia, Prof. Gianfranco Romanazzi, Presidente Associazione Italiana per la Protezione delle Piante, Dott. Luca Lazzaro, Presidente Confagricoltura Puglia, Dott. Gianluca Chieppa, Presidente Associazione regionale Pugliese Tecnici e Ricercatori in Agricoltura, e Dott. Oronzo Milillo, Presidente regionale Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali Puglia.

I lavori entreranno nel vivo con la presentazione del progetto “StopMedWaste” a cura del Prof. Gianfranco Romanazzi, Università Politecnica delle Marche, e del Prof. Antonio Ippolito, Università degli Studi di Bari; in seguito l’Ing. Michele De Lisi e il Dott. Davide De Lisi presenteranno l’azienda Masseria Fruttirossi.

La Dott.ssa Annamaria Mincuzzi (UNIBA) relazionerà poi su “Malattie biotiche: perdite, patogeni, sintomatologia, mezzi di lotta”, mentre il Dott. Davide De Lisi e la Dott.ssa Rosalinda Surico (Masseria Fruttirossi) su “Malattie abiotiche: cause, incidenza, prevenzione”; il Prof. Giuseppe Ferrara (UNIBA) relazionerà su “Aspetti produttivi legati alla fisiologia della pianta”.

Dopo le considerazioni finali sui lavori del workshop, l’evento si concluderà con una visita all’azienda Masseria Fruttirossi.

 

Ufficio stampa: Marco Amatimaggio

press@masseriafruttirossi.com

cell. 3929360437

Potrebbe interessarti anche...