TUR Puglia verso il futuro, dai GAL un esempio di buone pratiche

Offrire una visione organica e condivisa delle sinergie messe in campo e dei risultati ottenuti in questi anni grazie al progetto TUR Puglia e proporre un modello di sviluppo turistico endogeno basato sulla Rete dei Sistemi Turistici Locali Sostenibili. Sono questi gli obiettivi del documento strategico “TUR Puglia verso il futuro. Un esempio di buone pratiche”, realizzato da 8 GAL pugliesi, dal Gargano fino al Basso Salento (Valle della Cupa, Terra d’Otranto, Luoghi del Mito, Terre del Primitivo, Alto Salento, Conca Barese, Terra dei Messapi e Gargano), con la collaborazione dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile (AITR) e  presentato nella sala convegni del Corpo Forestale nel Palazzo dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura a Bari.
Il documento fornisce un'indicazione di come una corretta organizzazione della gestione delle Azioni del progetto TUR Puglia possa fornire un contributo importante allo sviluppo e al miglioramento del sistema turistico pugliese, il tutto in un quadro di coerenza con gli indirizzi della programmazione regionale e il sistema di obiettivi e azioni nello stesso individuate.
Dal confronto continuo tra i partner si è giunti alla definizione di alcune proposte per garantire la sopravvivenza e la sostenibilità del progetto TUR Puglia, come il coinvolgimento di altri GAL alla Rete, la promozione dei gruppi di acquisto solidale GAS a vantaggio della Rete STLS, la partecipazione a programmi regionali ed europei di valorizzazione del turismo sostenibile ed internazionalizzazione. Infine, la proposta per la creazione di un nuovo sistema di Governance che prevede l’istituzione di una Cabina di Regia: un sistema che prevede la possibilità di coinvolgere su invito gli stakeholder dei territori di riferimento per promuovere un confronto e uno scambio informativo riguardo ai bisogni dei territori di riferimento.