Terza edizione del premio Bella Vigna, vince Fruits Land di Angelo Di Palma

Si è tenuta presso Il Melograno a Monopoli la terza edizione del premio Bella Vigna. «Quest’anno hanno partecipato alla competizione ben 50 aziende agricole – dichiara Michele Melillo presidente dell'associazione organizzatrice – che si sono così messe a nudo perché venissero valutati i loro vigneti da una commissione composta da due agronomi, un docente universitario e un rappresentante della grande distribuzione». La commissione ha visitato e valutato ben 300 ettari di vigneti destinati alla produzione di uva da tavola e valutato la qualità estetica ed organolettica del prodotto, l’uniformità del vigneto, l’assenza di fisiopatie e malattie, l’equilibrio del vigneto tra carico produttivo e vigore, il contenimento dei costi di gestione, l’attuazione di buone pratiche agricole, il rispetto dell’ambiente e l’innovazione tecnologica. Tutti parametri che concorrono a rendere un’azienda concorrenziale o per la volontà di adeguarsi alle richieste del mercato o, come riscontrato in molti casi, per una scelta etica dell’imprenditore. La 3^ edizione del Premio Bella Vigna ha premiato le migliori aziende che hanno puntato su innovazione, sostenibilità e territorio. A conquistare il consenso dei giudici, e quindi ad aggiudicarsi il 1° Premio della terza edizione del Premio Bella Vigna, è stata l’azienda Fruitsland di Angelo Di Palma. I quattro giurati hanno premiato le pratiche tecnologicamente innovative e rispettose dell’ambiente adottate nel vigneto situato nel tarantino, e il coraggio nella scelta di produrre una nuova varietà attualmente unica in Puglia, la Carlita.