La Sezione Sud-Est dell’Accademia dei Georgofili promuove la cipolla rossa di Acquaviva

Responsabili commerciali della grande distribuzione, ricercatori, chef, giornalisti specializzati, associazioni di volontariato, imprenditori agricoli e naturalmente loro, i veri protagonisti i consumatori. Per capire cosa sia diventato oggi il fenomeno “cipolla rossa di Acquaviva” bisognava essere presenti ieri all’incontro organizzato dalla Sezione Sud-Est dell’Accademia dei Georgofili presso Villa Morisco. Per l’occasione sono intervenuti: il prof. Marzi - Presidente della Sezione Sud-Est dell’Accademia dei Georgofili; il dott. Fanelli - responsabile commerciale Viva Frutta; il prof. Montemurro Presidente dell’Associazione Ciboacculturarsi con la dott.ssa Dell’Erba e Giancarlo Mantegazza. Famosa per la sua dolcezza, la cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti è riconoscibile per la tipica forma appiattita e per la sua colorazione violacea: un grosso disco dello spessore di 6-7 centimetri, larga fino ad una spanna, e con un peso di circa 500 grammi. Il suo colore tra il rosso carminio e il violaceo si schiarisce verso l'interno, sino a divenire completamente bianca. La coltivazione avviene nel rispetto della tradizione antica e in modo del tutto naturale.