Agosto, i lavori e le semine nell’orto

Il proverbio “Agosto, moglie mia non ti conosco” non vale per l’orto. Chi ha la passione per l’orticoltura infatti in questo periodo non può andare in ferie: tra cure di stagione, raccolti, semine e trapianti ce n’è per tutti i gusti.

 

Arriva agosto, il mese più caldo e faticoso, ma pieno di raccolte e trapianti. Un mese molto particolare nella gestione dell’acqua: bisogna irrigare con continuità, anche se verso la fine del mese potrebbero venirci in aiuto le prime piogge. È preferibile innaffiare in modo abbondante nelle prime ore del giorno mentre è sconsigliato la sera, poiché si rischia la proliferazione di malattie fungine.

 

Bisogna eseguire operazioni di scerbatura e sarchiatura, ovvero togliere le erbacce cresciute attorno alle piante per evitare che le infestanti diffondano i loro semi tutt’intorno. Bisogna continuare raccogliere gli ortaggi e la verdura matura, senza dimenticare di cominciare a dedicarsi alle colture autunnali.

 

Il nostro orticello in questo mese dovrebbe essere ricco di ortaggi da raccogliere come meloni, angurie, zucchine, fagiolini, mais, pomodori, melanzane, peperoni, lattughe ecc.

 

Le semine di agosto sono importanti per proseguire l’orto anche nel periodo invernale.

 

Seminare direttamente in piena terra basilico, biete, carote cetrioli, cicoria, finocchi, indivia, scarola, lattuga, porri, prezzemolo, ravanelli, rape, cime di rapa, valeriana, spinaci, zucchine e fagiolini.

 

Consigliamo di effettuare le semine in semenzaio protetto in particolare dal caldo estremo e dagli eventi metereologici violenti caratteristici dell’estate.

I trapianti riguarderanno: carciofi, barbabietole, sedano rapa, cavoli e broccoli.

 

Buon orto a tutti!

 

Fonte: Campagna Amica