Uva da tavola, gettate le basi per il Gruppo di contatto

A Fruit Logistica è stata trovata un'intesa per costituire a livello europeo il Gruppo di contatto per il settore dell’uva da tavola. In un summit nello stand della regione di Murcia, i rappresentanti spagnoli, portoghesi, francesi, greci e italiani si sono incontrati raggiungendo l'accordo per creare questo organismo.

 

"Finalmente siamo riusciti a raggiungere questa importante intesa - spiega Donato Fanelli, coordinatore del Comitato Uva da tavola dell'Organizzazione interprofessionale Ortofrutta Italia - L'incontro è stato positivo, abbiamo condiviso una linea d'azione e, per la componente italiana era presente anche il dottor Cherubini del ministero e il Cso, che ha coordinato questo momento da un punto di vista tecnico. Ci siamo dati appuntamento in estate a Murcia per la vera e propria costituzione del Gruppo di contatto: noi, come Paese, abbiamo dato la nostra disponibilità ad essere presenti e parte attiva di questo processo".

 

Gli obiettivi più immediati, come spiega Fanelli, sono tre: gli aspetti fitopatologici, l'armonizzazione comunitaria degli standard richiesti dalla Grande distribuzione organizzata e il catasto europeo dell'uva da tavola.

 

"Non è possibile che la Spagna, da sola, possa andare in Cina a vendere uva e noi no: non ci si deve muovere univocamente, ma come Europa, insieme. Anche le relazioni con la Gdo devono essere armonizzate. Poi andrà finalmente definito il catasto: dobbiamo sapere quanta uva da tavola e di che tipologia abbiamo in Europa. E' un parametro di riferimento fondamentale per intavolare con la Gdo il discorso dei programmi di fornitura".

 

Fonte: Italia Fruit News

Autore: Maicol Mercuriali