Confeuro. Serve più educazione alimentare per combattere gli sprechi

Ogni hanno gli italiani buttano 15 miliardi di euro nella spazzatura, pari allo 0,88% del Pil. Dati come questi – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – mettono in evidenza la necessità di investire su un’educazione alimentare che si contrapponga agli sprechi, i quali si concentrano soprattutto tra le mura domestiche (80%).

 

Come Confeuro – continua Tiso – siamo estremamente convinti della necessità di intervenire su questi temi in modo educativo e pedagogico; ed è per questo che insistiamo per dar vita a dei percorsi che coinvolgano soprattutto le nuove generazioni. D’altronde, come riportato da l’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg sull’economia circolare e la sostenibilità, il 72% degli italiani ritiene che investire sull’educazione possa essere la giusta strategia.

 

Ridurre il primario ad un semplice aggregato economico rappresenta un errore storico che ha causato, e causa ancora oggi, gravi danni al mondo agricolo e al Paese. L’agricoltura infatti – conclude Tiso – è l’emblema di un modello diverso ed alternativo rispetto a quello attuale, di fatto il migliore per valorizzare principi quali la sostenibilità, la solidarietà e il rispetto per l’ambiente.