Ismea, acquisto terreni da parte di giovani – Bando 2019

Requisiti al momento della presentazione della domanda

 

Persona fisica

 

1 età compresa tra i 18 anni compiuti e i 41 non ancora compiuti;

2 non essere già insediato in agricoltura.

Società Agricola

 

1 titolare di partita iva ma non iscritta all’INPS;

2 avere una maggioranza assoluta, numerica e di quote di partecipazione di soci di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non compiuti;

3 essere amministrata da un soggetto non insediato in agricoltura di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non compiuti.

N.B. Non è già insediato in agricoltura un giovane che non è mai stato iscritto al regime previdenziale agricolo come coltivatore diretto o come IAP.

 

Interventi ammissibili

 

Acquisto di terreni agricoli.

 

N.B

 

–  Ѐ escluso l’ acquisto da coniuge, anche separato, parenti ed affini entro il primo grado.

 

– Ѐ escluso l’acquisto di terreni risultino trascritti pignoramenti immobiliari, ovvero iscritte ipoteche giudiziarie o atti di sequestro.

 

– Ѐ escluso l’acquisto di terreni non in grado di garantire la sostenibilità finanziaria dell’iniziativa.

 

Investimento minimo e massimo

 

Minimo: euro 250.000,00.

 

Massimo: non definito.

 

N.B.

 

 L’investimento minimo si riduce a € 100.000,00 solo per i soggetti che si impegnano a condurre in affitto un’azienda agricola e vogliono operare un “ampliamento” della stessa attraverso l’acquisto con ISMEA.

 

Agevolazione prevista

 

Mutuo a tasso agevolato.

 

Durata: da 15 a 30 anni.

 

Tasso fisso: 1-1,5 % circa.

 

Garanzie richieste

 

Per investimenti compresi fra euro 250.000,00 e euro 2.000.000,00 ― nessuna garanzia.

 

Per investimenti superiori a euro 2.000.000,00 ― ISMEA acquisisce ipoteca sui terreni oggetto di acquisto.

 

Per investimenti di “ampliamento” ― ISMEA acquisisce ipoteca sui terreni oggetto di acquisto.

 

 

 

Modalità di presentazione della domanda

 

Sarà possibile presentare Domanda unicamente attraverso il portale dedicato a seguito della pubblicazione del Bando Pubblico “a sportello” prevista per  febbraio 2019.

 

Considerato il decisivo rilievo attribuito all’ordine cronologico di presentazione delle domande ai fini della formazione della graduatoria e della ammissione alle agevolazioni, è fondamentale predisporre tutta la documentazione tecnica IN ANTICIPO rispetto all’apertura del port