Copagri Puglia replica all’assessore Di Gioia

Copagri Puglia da oltre un anno ha denunciato i gravi ritardi del PSR, senza mai diramare comunicazioni “superficiali ed errate”, come dichiarato dal comunicato stampa a firma dell’assessore Di Gioia. Siamo consapevoli che la situazione di stallo è grave e complessa. L’ipotesi di rimodulazione finanziaria, proposta dall’AdG  nonché di modifica del programma, si scontra con problematiche procedurali complesse e di non facile soluzione e questo provocherebbe ulteriori ritardi.

E’necessario ricordare che le graduatorie di “ammissibilità all’istruttoria“, per la misura 4.1.a investimenti per le aziende agricole,  sono del  13 novembre scorso, mentre per la misura 4.1b giovani, sono del 30 marzo e visti i tempi per il completamento della presentazione della documentazione  (180 giorni), ci sarebbero state comunque difficoltà per raggiungere gli obiettivi di spesa, indipendentemente dal TAR.

Dobbiamo abbassare la conflittualità tra imprese e Amministrazione, lasciando i ricorsi nei normali tassi fisiologici. Non è accettabile una situazione per cui oggi su 4 bandi legati agli investimenti, 3 rischiano l’annullamento al TAR e per l’altro la sospensione in autotutela.

Ribadiamo ancora una volta la necessità di avere chiarezza e semplificazione delle procedure, che può essere garantita solo dall’adozione di un manuale di procedimento, che sia parte integrante delle misure e dei bandi , e soprattutto che sia posto a conoscenza di imprese e tecnici in fase ante e non progettato e redatto dopo la pubblicazione delle graduatorie.

Per tali ragioni riaffermiamo la necessità di fare le necessarie valutazioni tecniche circa la nostra proposta di annullare i bandi, fatti salvi i diritti acquisiti. Copagri Puglia è disponibile ad un confronto con il partenariato, i legali e l’AdG al fine di trovare una immediata soluzione alle criticità emerse del PSR che evidentemente sono state da tutti evidenziate nella loro gravità.

 

Il direttore: Alfonso Guerra                                                                         

Il Presidente: Tommaso Battista