Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale – Sottomisura 9.1 PSR Regione Puglia

La sottomisura intende favorire la costituzione e l’avviamento di Associazioni di Organizzazioni di Produttori (AOP) ed Organizzazioni di Produttori (OP) nei settori agricolo e forestale, tale da permettere ai loro componenti di affrontare congiuntamente le sfide del mercato.

 LOCALIZZAZIONE

 

Intero territorio regionale

 

 BENEFICIARI

 

OP e AOP che sono PMI già riconosciute dall’Amministrazione competente o che hanno presentato domanda di riconoscimento, risultante in corso di istruttoria.

 

 PIANO AZIENDALE

 

Per beneficiare dell’aiuto, l’OP/AOP deve presentare un piano Aziendale sottoscritto la Legale Rappresentante o dal tecnico incaricato di durata massimo quinquennale.

 

La prima annualità del Piano aziendale corrisponde all’annualità successiva alla presentazione della DdS.

 

Per le OP/AOP riconosciute nel 2014 il piano Aziendale può avere una durata massimo annuale in quanto il quinquennio successivo al riconoscimento si conclude nel 2018.

Per le OP/AOP riconosciute nel 2015 il piano Aziendale può avere una durata massimo biennale in quanto il quinquennio successivo al riconoscimento si conclude nel 2019.

Per le OP/AOP riconosciute nel 2016 il piano Aziendale può avere una durata massimo triennale in quanto il quinquennio successivo al riconoscimento si conclude nel 2020.

Per le OP/AOP riconosciute nel 2017 il piano Aziendale può avere una durata massimo quadriennale in quanto il quinquennio successivo al riconoscimento si conclude nel 2021.

Per le OP/AOP non ancora riconosciute al momento della pubblicazione del presente avviso il piano Aziendale può avere durata massima quinquennale.

Nella redazione del Piano Aziendale il beneficiario si impegna a realizzare almeno una delle seguenti attività:

 

-Adeguamento della produzione e dei prodotti dei soci di tali organizzazioni alle esigenze del mercato;

-Commercializzazione in comune di prodotti, compresi il condizionamento per la vendita, la vendita centralizzata e la fornitura all’ingrosso;

-Definizione di norme comuni in materia di informazione sulla produzione, con particolare riguardo alla raccolta e alla disponibilità dei prodotti;

-Altre attività, come lo sviluppo delle competenze imprenditoriali e commerciali o la promozione e l’organizzazione di processi innovativi.

Nel caso siano previste attività miranti all’uso efficiente e razionale di rifiuti e residui agricoli per la produzione di energia rinnovabile o per il prodotti da agricoltura biologica e/o alla creazione di adeguate strutture organizzative per la gestione della biomassa, il Piano ----Aziendale va compilato anche il “Piano Gestione Rifiuti e Residui Agricoli”.

 

 TIPOLOGIA ED ENTITÀ DEL SOSTEGNO PUBBLICO

 

Il contributo è erogato in rate annuali sotto forma di aiuto forfettario annuale decrescente, per un periodo che non supera i cinque anni successivi alla data di riconoscimento dell’OP, a seconda dello schema esemplificativo che segue:

 

1° anno: 10% del valore medio annuo della produzione commercializzata dai soci della OP/AOP durante i tre anni precedenti la DdS;

2° anno: 8% del valore della produzione commercializzata dalla OP/AOP nell’anno precedente all’annualità considerata;

3° anno: 6% del valore della produzione commercializzata dalla OP/AOP nell’anno precedente all’annualità considerata;

4° anno: 4% del valore della produzione commercializzata dalla OP/AOP nell’anno precedente all’annualità considerata;

5° anno: 2% del valore della produzione commercializzata dalla OP/AOP nell’anno precedente all’annualità considerata.

L’aiuto forfettario può essere concesso solo se approvato, ex ante, dalla Regione Puglia, il Piano aziendale presentato nell’ambito della DdS della OP/AOP. Il sostegno concesso non può superare € 100.000,00 all’anno.

 

Scadenza per la presentazione della Domanda: 20 Novembre 2017

 

Fonte: Vueffe Consulting