Melone: calorie, proprietà e valori nutrizionali

Il melone è il frutto di una pianta rampicante, il cui nome botanico è Cucimis Melo, una Cucurbitacea: nel linguaggio comune il termine indica sia il frutto che la pianta.

Il frutto, particolarmente apprezzato nella stagione estiva, è molto più spesso utilizzato fresco, eppure è adatto anche alla preparazione di marmellate. La composta di melone è gustosa soprattutto quando viene abbinata con alcuni tipi di formaggio, soprattutto stagionato e piuttosto sapido.

Sotto il profilo dei valori nutrizionali, il melone si classifica come un frutto poco calorico: una porzione da 100 g apporta solo 34 kcal. Per tale motivo è sempre stato apprezzato anche da chi segue un regime ipocalorico a scopo dimagrante.

La polpa è ricca di acqua, questa componente conta per il 90% del peso. Questa caratteristica e la buona quantità di potassio, 300 mg per 100 g di alimento, rendono il melone un frutto dissetante a cui viene riconosciuta una buona azione diuretica e depurativa.

Il frutto apporta anche discrete quantità di vitamine, soprattutto A, C, PP, B1 e B2: per l’abbondante apporto di vitamina C ed A il melone è, a ragione, considerato un frutto antiossidante ed il suo consumo è particolarmente utile in estate, quando serve anche stimolare la produzione della melanina per favorire la protezione della pelle. I meloni arancioni, quelli estivi, sono anche una buona fonte di betacarotene.

Il melone è un remineralizzante naturale: grazie al contenuto di sali minerali come ferro, fosforo, sodio, calcio e potassio, contribuisce a mantenere sotto controllo la pressione arteriosa e a ripristinare le scorte idriche perse con la sudorazione.

Il melone non è adatto al paziente diabetico, perché nella polpa è abbondante la quantità di zuccheri semplici. Il frutto può essere di difficile digestione, anche per l’abbondante quantità di fibra contenuta nella polpa: per questo motivo è sconsigliato a chi lamenta lenta digestione.