PSR Puglia 2014-2020: sostegno ad investimenti nelle aziende agricole – Operazione 4.1.A

Pubblicato il 28 Luglio scorso il bando che, con una dotazione complessiva di ben 60.000.000 di Euro, sostiene le aziende agricole finanziando:

l’innovazione tecnologica relativa all’introduzione di impianti, macchine, attrezzature e sistemi che migliorano la qualità dei prodotti e riducono i costi di produzione;

la riconversione varietale e la diversificazione colturale delle produzioni agricole regionali;

il miglioramento della sostenibilità ambientale delle attività produttive aziendali;

la riduzione dell’approvvigionamento energetico da fonti fossili con l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili come le biomasse;

la realizzazione di interventi mirati al risparmio idrico e all’efficientamento delle reti idriche aziendali

L’operazione si applica su tutto il territorio regionale.

 

Nel caso in cui la Superficie Aziendale ricada anche in altre Regioni, l’ammissibilità a finanziamento è consentita purché tutti gli investimenti finanziati ricadano prevalentemente all’interno della Regione Puglia.

 

 

 

SOGGETTI AMMISSIBILI / REQUISITI

 

Possono accedere alla Operazione 4.1.A:

 

Imprenditori Agricoli Singoli che abbiano una delle seguenti forme giuridiche:

Ditta individuale,

Società di Persone o di Capitali,

Cooperative agricole di conduzione,

titolare/conduttore di un’azienda agricola.

Associazioni di agricoltori che intendono realizzare un progetto collettivo interaziendale, e che abbiano una delle seguenti forme giuridiche:

Organizzazioni di Produttori riconosciute ai sensi della normativa vigente;

Cooperative agricole;

Reti di Imprese o altre forme associate consentite dalle normative vigenti (dotate di personalità giuridica e costituite da almeno 5 imprese agricole).

Inoltre, per ciascun richiedente, andranno verificati altri requisiti specifici.

 

 

 

SPESE AMMISSIBILI

 

Sono ammissibili all’aiuto i seguenti investimenti:

 

Costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali da utilizzare a fini produttivi agricoli e zootecnici;

Acquisto o leasing con patto di acquisto di macchinari nuovi e attrezzature, compresi i programmi informatici, che favoriscono:

l’aumento della produttività;

la razionalizzazione e la riduzione dei costi;

la riduzione del consumo energetico;

la produzione di energia da fonti rinnovabili ad esclusivo uso aziendale;

il miglioramento dell’efficienza e/o la riduzione delle quantità nell’uso di fertilizzanti e/o fitofarmaci;

Strutture aziendali di stoccaggio biomasse;

Investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici rurali produttivi agricoli;

Impianti di colture arboree;

Impianti, macchine e attrezzature innovativi che favoriscono il miglioramento dell’efficienza irrigua e l’ottimizzazione dell’uso della risorsa irrigua;

Realizzazione di reti distributive che consentano un risparmio e un miglioramento dell’efficienza dei sistemi di distribuzione e alla realizzazione di invasi di raccolta di acqua piovana;

Acquisto terreni agricoli per un massimo del 10% della spesa totale ammissibile dell’operazione considerata;

Strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli;

Impianti, macchine e attrezzature innovativi per gli investimenti in filiera corta;

Investimenti finalizzati al rispetto di requisiti di nuova introduzione, per un periodo massimo di 12 mesi dalla data in cui diventano obbligatori;

Sono inoltre ammissibili, fino a un massimo del 12% della spesa ammessa a finanziamento:

onorari di tecnici agricoli, architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi studi di fattibilità;

le spese per garanzie fideiussorie.

 

 

TIPOLOGIA ED AMMONTARE DEL CONTRIBUTO

 

E’ prevista la concessione di aiuto pubblico, a scelta del richiedente, nelle forme di:

 

Contributo in conto capitale,

Contributo in conto interesse

Forma mista (conto capitale + conto interesse).

 

 

La tipologia di progetto, il volume di investimento minimo e massimo ammissibili, e l’intensità dell’aiuto pubblico concedibile, sono riportate di seguito, in funzione dei diversi soggetti beneficiari:

 

TIPOLOGIA DI BENEFICIARIO: AZIENDA SINGOLA        

 

VOLUME DI INVESTIMENTO: Min. 30.000 – Max 3.000.000

 

INTENSITA’ DI AIUTO / LOCALIZZAZIONE:

 

Zona Svantaggiata             

 

Se conferisce il prodotto ad O.P.: 60%

 

Se il progetto prevede filiera corta: 50%

 

In tutti gli altri casi: 40%

 

Altre Zone             

 

Se conferisce il prodotto ad O.P.: 50%

 

Se il progetto prevede filiera corta:  50%

 

In tutti gli altri casi: 30%

 

TIPOLOGIA DI BENEFICARIO: ASSOCIAZIONE DI AGRICOLTORI                

 

VOLUME DI INVESTIMENTO: Min. 100.000 – Max4.000.000

 

INTENSITA’ DI AIUTO / LOCALIZZAZIONE:

 

Zona Svantaggiata             

 

Se il progetto prevede filiera corta: 50%

 

In tutti gli altri casi:  60%

 

Altre Zone             

 

Se il progetto prevede filiera corta: 50%

 

In tutti gli altri casi: 50%

 

 

 

 

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

 

Apertura del portale per la presentazione delle domande: 6 Aprile 2017 e fino al termine ultimo delle ore 12,00 del giorno 5 Giugno 2017.

 

Fonte: Vueffe Consulting